Videogioco ma non troppo ///

Play Station, wii, videogiochi e giochi tradizionali

In una classe come tante, tra marachelle e scherzi alla maestra, sta per entrare la magia del teatro e i nostri protagonisti metteranno in scena la storia di Arturo e del suo videogioco preferito .

Arturo si troverà catapultato al suo interno, in mezzo ai suoi eroi preferiti. Solo “vivendo” questa avventura e guardando la realtà da questa nuova prospettiva, il giovane protagonista, comprenderà la bellezza dei giochi tradizionali  e un modo intelligente di utilizzare il videogioco, Play Station e wii.

Lo spettacolo vuole puntare ad una riflessione generale (per adulti e bambini) sul periodo storico che stiamo vivendo, in cui certamente non si può omettere la multimedialità (che sviluppa e stimola la percezione di piccoli e grandi)  ma con un’attenzione anche  ai giochi tradizionali, la manualità e soprattutto il desiderio di condivisione delle esperienze ludiche. (in famiglia, a scuola, con gli amici).

Uno spettacolo interattivo in cui si incontrano diversi linguaggi artistici e tecniche di comunicazione:

-immagini, fumetti, retroproiezioni e ovviamente l’espressività degli attori.

Un nuovo Teatro Multimediale che parte sempre dall’interazione degli attori con il giovane pubblico sostenuta dalla perfetta integrazione di nuovi linguaggi.

 

Età: dai 6 ai 10 anni

Tipologia: teatro

Tematica: videogioco e giochi tradizionali

Periodo: tutto l’anno

Proposto nelle scuole e in teatro

Per maggiori info: promozione@lifraweb.com / 334 3608324

 

 

 

 

 

Condividi